Lezione sulla Negoziazione
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Andare in basso
Admin
Admin
Messaggi : 9
Data di iscrizione : 13.09.20
Visualizza il profilohttps://negoziazione.forumattivo.com

Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio Empty Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio

il Gio 17 Set - 18:15
Riportate qui gli esiti della discussione dei gruppi di giovedi pomeriggio
avatar
Gruppo 2
Ospite

Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio Empty Negoziazione distributiva

il Gio 17 Set - 19:20
1. Nella ricerca sul mercato di un’abitazione da acquistare, un membro del gruppo ha effettivamente applicato le strategie di cui il testo. Il punto di resistenza individuato dopo una ricerca di mercato
(prezzo massimo) e quello del venditore (prezzo minimo di vendita) si sono incontrati nella ZOPA.

2. Le strategie vengono essenzialmente utilizzate in ogni negoziazione distributiva, con più o meno coscienza delle parti. Le possibili difficoltà potrebbero scaturire da valutazioni errate della BATNA e del punto di resistenza della controparte.

3. Arrivare alla negoziazione avendo a disposizione tutte le informazioni necessarie relative alla controparte (prezzi di mercato, condizioni dell’oggetto, punto di resistenza, BATNA) mantenendo la riservatezza sulle proprie.
avatar
Gruppo 3
Ospite

Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio Empty Re: Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio

il Gio 17 Set - 19:22
1) Un esempio che ci è venuto in mente è la trattativa per acquisto di un immobile in cui abbiamo avuto successo. Il nostro punto di forza era la possibilità di scegliere tra due immobili con caratteristiche simili, a un prezzo quasi equivalente.

2) Per quanto riguarda la strategia BATNA non sempre è possibile avere alternative, nonostante questa sia sicuramente una strategia utile. Inoltre, per quanto concerne la resistenza, allo stesso modo non è sempre semplice prendere consapevolezza del proprio punto di resistenza, ma soprattutto avere piena coscienza del punto di resistenza altrui. Di conseguenza, se non si riesce a individuare il corretto punto di resistenza è difficile determinare le estremità della ZOPA.

3) Capire quale sia il valore esatto della ricchezza da distribuire. Acquisire quante più informazioni possibili sull’altra parte (per esempio le sue capacità di negoziazione, le sue esperienze, quanto ha da perdere etc.). Predisposizione al dialogo senza perdere di vista i propri interessi e le proprie priorità.
avatar
Gruppo 1
Ospite

Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio Empty Francesca Amoroso; Onofrio; Alessandra Bonifazi; Marika; Michele; Chiara Riccelli; Roberta Borriello; Emiliano

il Gio 17 Set - 19:27
Esempio di vita: quando da adolescenti abbiamo richiesto un cellulare con caratteristiche particolari, come la fotocamera performante ( un iPhone del costo di 1000euro). Nostro padre era disposto a spendere di meno, 800euro. Avevamo come alternative l'acquisto di un iPhone di modello inferiore del costo di 700euro oppure un cellulare di un brand diverso del prezzo di 600euro con una fotocamera altrettanto performante.
ZOPA: 600-800 euro
BATNA: un modello iPhone precedente o un cellulare di un brand differente
difficoltà: non totale soddisfazione delle parti; essere predisposti al compromesso
consigli: predisporsi al compromesso/inclini alla trattativa
avatar
Gruppo 5
Ospite

Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio Empty Re: Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio

il Gio 17 Set - 19:35
1)  Esperienza negativa: convivenza con coinquilini fallita per la cattiva gestione  degli ambienti in comune

2) La  difficoltà della cattiva gestione è scaturita da una errata gestione del tempo degli spazi comuni( turnazione non rispettata) e per gli accordi di turnazione settimanali di pulizia non rispettati.
Pertanto la strategia distributiva, che è stata attuata, non ha avuto esito positivo a causa di queste difficoltà e ha provocato una rottura tra la collaborazione delle parti per  non essere stati in grado di trovare un punto di incontro


3)  Per una corretta strategia distributiva bisognerebbe usare un linguaggio verbale appropriato, avere la capacità di far capire all'altro le proprie ragioni in modo chiaro e preciso, usando un tono calmo e pacato, senza prevaricazioni  ne alzare il tono di voce e creare discussione su altre tematiche non riguardanti il caso in oggetto.



Gruppo 5: Gino Aquilino, Eleonora Combariati, Alessia Buco, Chiara Cusenza, Daniela Bellantuono, Virginia Romagnoli, Caterina Morrica, Carla Ciafardoni, Francesca Di Pasquale
Contenuto sponsorizzato

Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio Empty Re: Report dai gruppi di discussione di giovedi pomeriggio

Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.